madre teresa prolife
  • By
  • Cause in

Il più povero tra i poveri.

il-piu-povero-tra-i-poveri
Carlo Casini. Il più povero tra i poveri è uno di noi non ancora nato. Cantagalli, 2016.

A cura della commissione Comunicazione.

Quando Madre Teresa fu dichiarata Beata il Movimento per la Vita la onorò con la pubblicazione del Libro “Dateli a me” di P. G. Liverani. In occasione della canonizzazione un nuovo libro di Carlo Casini ricorda l’impegno di Madre Teresa per la tutela della vita.

Abbiamo chiesto al Presidente onorario del MPV il perché di questa nuova pubblicazione intitolata “Il più povero dei poveri è uno di noi non ancora nato”: “ho fatto in modo che questo testo uscisse in contemporanea con il Meeting di Rimini (19-24 agosto) perché in esso sarà esposta una mostra sulla nuova Santa. Non si può ricordare Madre Teresa senza meditare sulla Sua costante difesa del bambino non ancora nato. Il libro vuole essere anche un contributo del Movimento per la vita all’interno del Meeting. Il Padre Postulatore e le Suore di Madre Teresa hanno molto apprezzato e incoraggiato l’opera”.

Il titolo allude a qualcosa che va ben oltre il Meeting di Rimini? “Desideravo sottolineare il coraggio dimostrato dalla Santa nel proclamare l’umanità del concepito dinanzi a tutti i potenti del mondo. E’ un esempio per noi. La canonizzazione di Madre Teresa non deve essere soltanto un momento celebrativo, ma un impulso affinché in tutta Europa la seconda fase dell’iniziativa “Uno di noi” si sviluppi ampiamente e con coraggio. Alla testimonianza di Madre Teresa si devono aggiungere quelli che hanno conoscenza e responsabilità riguardo alla vita nascente: i medici, i farmacisti, le ostetriche, gli ingegneri, i giuristi, i politici. In tal modo, forse, l’Unione Europea dovrà prendere in considerazione ogni firma dell’iniziativa europea della prima fase di “Uno di noi”, a cui la Commissione di Bruxelles ha dichiarato di non voler dar seguito. Mi auguro che Madre Teresa di Calcutta dia un grande rilancio a questa iniziativa”.

Per saperne di più basta andare sul sito europeo multilingue www.oneofusappeal.eu  oppure sul sito italiano www.unodinoi.org.