giovani prolife
  • By
  • Cause in

Madre Teresa: la felicità più grande

di Irene Pivetta, Responsabile Giovani MPV.

Alle porte della canonizzazione di Madre Teresa ho riletto le sue famose ventiquattro domande e ventiquattro risposte: ho pensato alla sana e potente sete di risposte dei ragazzi – tanti incontrati al Seminario Quarenghi – e quindi alle domande che accendono e rendono viva la loro ricerca personale che li ha condotti, non a caso, a conoscere la famiglia del Movimento per la Vita. Proprio con le parole di Madre Teresa voglio rivolgere loro degli auguri speciali. giorno più bello? Oggi. Perché riusciate sempre, ogni giorno e in ogni momento, a riconoscere e valorizzare il dono più grande di tutti: la Vita; a servirla con passione e fatica, secondo le vostre attitudini e i vostri desideri, così da chiudere gli occhi ogni sera riscaldati dalla consapevolezza che non è stato un giorno sprecato.
L’errore più grande? Rinunciare. Perché anche voi, come Madre Teresa, accettiate con coraggio e pazienza la sfida di andare contro corrente, senza il timore di mettere la vostra voce a servizio dei più poveri e di chi non ha voce.
L’accoglienza migliore? Il sorriso. Perché la vocazione all’accoglienza della vita sia una bellissima lezione, da custodire nel cuore e praticare nella quotidianità.
La felicità più grande? Essere utili agli altri. Perché assaporiate la gioia vera di farvi strumento di felicità per gli altri: la realizzazione personale derivi dal bene che riuscirete a portare nelle esistenze altrui, soprattutto nelle vite nascoste o silenziose per cui il vostro aiuto può fare molto, a volte tutto. A servizio e insieme con il prossimo, la felicità sarà più piena e autentica.