Diario di Pier Giorgio Liverani

25 novembre – Torino. Vittima delle “attenzioni” di un vicino di casa al quale era affidata in assenza dei genitori, una bambina di undici anni si scopre «con la pancia gonfia». È alla ventunesima settimana e i genitori l’hanno fatta abortire. Il “padre” (35 anni) del concepito è stato arrestato, ma la undicenne non ne esce positivamente.

30 novembre – Londra. La “pillola dell’amore” sarà venduta liberamente e senza prescrizione medica nel Regno Unito, ma il farmacista dovrà interrogare i richiedenti e verificare la loro storia medica e le loro difficoltà sessuali. L’“amore” è ridotto in pillole e in sterline: la fabbrica che le produce ha raggiunto ricavi pari a 1,3 miliardi di dollari l’anno. Davvero “amore in pillole”.

 

1 dicembre – Trieste. Il Cav di Monfalcone festeggia nella nuova sede i trent’anni di aiuto alla vita. Al taglio del nastro (nel pomeriggio, alle 18) c’è anche il presidente nazionale Gian Luigi Gigli. Il Piccolo, quotidiano locale, dedica molto spazio all’inaugurazione. È come trovare finalmente una casa.

 

2 dicembre – Roma. Left (la rivista della sinistra, lo dice il nome) lancia un allarme senza senso: «Smantellano i consultori per colpire le donne». Questa sinistra (non quella intelligente) strilla perché i suoi consultori si sentono dimenticati dai “pezzi grossi” della sanità e li accusa di fare scelte contrarie alla promozione della “salute delle donne”: specialmente il Consultorio del Policlinico Gemelli perché non fornisce contraccettivi e non pratica aborti. Cioè perché fa il suo dovere di ospedale (cattolico) che aiuta la vita.

 

3 dicembre – Mantova. Il Cav cittadino opera dal 1981 anche per aiutare le donne “deboli”: le gestanti, le violentate, una mano a chi ha diritto ai bonus familiae. Sono almeno duecento le pratiche elaborate quest’anno. Dispone anche di una “Casa di Maria Clotilde” per l’accoglienza di chi non ha alcun rifugio. Molto frequentati il suo “telefono giovane”, attivo dal 1997, e la linea  “Sos violenza”.

 

5 dicembre – Torino. Nasceva due anni fa una bimba afflitta da spina bifida e da una malformazione al sistema nervoso centrale (un caso su ottantamila nati). La madre fisica l’ha abbandonata in ospedale. Ora un’altra mamma l’ha presa in affido senza neppure sapere di quei mali, ma Ora, saputoli, ha confermato la sua scelta: adozione.

 

8 dicembre – Albenga-Imperia. Nuova sede del Cav ingauno in locali della Curia diocesana: l’insediamento si svolge in voluta concomitanza con l’omaggio di papa Francesco alla statua dell’Immacolata in piazza di Spagna, a Roma. È un modo per onorare Maria vergine e madre della vita. La nuova sede è centrale in città e facilmente accessibile alle mamme con carrozzine.

 

10 dicembre – Milano. I bambini concepiti mediante trattamenti per la fertilità o con la fecondazione artificiale sono a maggior rischio di tumori infantili. È la conclusione di uno studio pubblicato dall’American Journal of Obstetric & Gynecology (e ripreso da Avvenire). Sono stati osservati  242.187 casi che comprendevano giovani dalla nascita ai 18 anni.

–  Padova. Si chiude la raccolta della campagna “Regalami Pannolini” organizzata dal Cav per aiutare mamme in difficoltà con i loro bambini. È questa la dodicesima volta che viene organizzata. Raccolti oltre 5.000 pacchi di pannolini.

 

11 dicembre – Benevento. Polemiche e proteste per l’assegnazione al Cav cittadino di una struttura affidata dal Comune alla parrocchia dell’Addolorata a Spina Verde. Scontatissime le proteste delle associazione laiciste (L@p Asilo31, Lgbt (di omosessuali) e Wand. Invidia?

– Matera. «Il feto come paziente: terapia prenatale e perinatale». Su questo tema il prof. Giuseppe Noia, primario dell’Hospice perinatale al Policlinico Gemelli di Roma, tiene una lezione nel quadro del seminario “La vita è bella. Amala”. Presente anche mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, l’arcivescovo di Matera.

 

12 dicembre – Albenga. Il CaV  presenta una lezione su «Il testamento biologico:  se la licenza di uccidere va fuori controllo”. Il maestro è il vescovo di Ferrara, mons. Luigi Negri, che è anche membro della Commissione Episcopale per la Dottrina della Fede. La preparazione culturale dei volontari dei Cav è curata e le ragioni della vita e della fede sono esposte ad alto livello.

 

14 dicembre – Commentando l’approvazione del Senato della legge sul “fine vita” il prof. Gian Luigi Gigli, presidente nazionale del Movimento per la vita si chiede:«Davvero era una priorità aiutare con questa legge le tendenze suicidarie della gente? Questa legge sembra la fotografia di un Paese votato all’estinzione e privo di speranze per il futuro».

 

25 dicembre – Il mondo. Nasce in una stalla di un Paese senza pace il Re dell’universo e dell’amore. È la duemiladiciassettesima volta, ma gli uomini non l’hanno ancora capito. Il suo tentativo si ripeterà, per la duemiladiciottesima volta alla fine di marzo morendo inchiodato a una croce con una corona di spine e resuscitando il primo giorno del prossimo aprile. I suoi seguaci avranno molto da fare per aiutare il mondo a capirlo. Chissà?

Pier Giorgio Liverani