Il Prof. Gaetano, sostenitore appassionato del Concorso Scolastico di Giacomo Scozzari, MpV Castelvetrano

Mai avrei voluto scrivere queste parole di ricordo di un socio così caro e prezioso del Movimento per la Vita di Castelvetrano, il Prof. Gaetano Di Stefano, venuto a mancare improvvisamente il 10 gennaio 2020. In effetti, non era solo un socio, ma un grande amico sempre gentile e sorridente. Insegnante di religione presso il Liceo Scientifico di Castelvetrano, da almeno venticinque anni promuoveva il concorso europeo nelle sue numerose classi, avendo fatto partecipare ad un dialogo, aperto sui vari temi proposti dal Movimento, migliaia di ragazzi. Il suo modo di coinvolgere gli alunni era quello di presentare l’argomento in una discussione libera ed aperta. Molto incline all’ascolto aveva fatto dell’insegnamento la sua missione. Amava i suoi alunni e da loro era veramente stimato e voluto bene. Al suo funerale la Dirigente scolastica Prof.ssa Tania Barresi, alunni, docenti, parenti, soci del MPV, amici si sono stretti in un unico abbraccio, testimoniando l’affetto e la stima che nutrivano per lui. Con i suoi alunni condivideva non solo le ore di lezione passate insieme, ma le loro esperienze e difficoltà. E allora il concorso europeo non si esauriva in una semplice presentazione e in un compito svolto dagli alunni, ma in un dibattito che li interessava e alla fine del quale i suoi studenti diventavano desiderosi di esprimere il loro pensiero anche in contrasto con il pensiero del Movimento per la Vita. Aveva partecipato a due viaggi a Strasburgo con grande entusiasmo, raccogliendo le sensazioni e i pensieri dei partecipanti. Ecco, in sintesi, quanto affermato dai partecipanti provenienti dalla Sicilia:

Maria Chiara Rizzuto: “Per me è stato un grande onore vincere questo importante concorso europeo e potere rappresentare la Sicilia. Questo viaggio mi ha anche legata a ragazzi straordinari di varie regioni che ricorderò sempre”.

Samira Paola Giuffrè: “Questa è stata una delle esperienze più belle della mia vita e ho conosciuto ragazzi meravigliosi e molto simpatici. La visita al Parlamento Europeo è stata come un sogno finalmente avverato, poter simulare una seduta parlamentare è stato veramente emozionante, abbiamo toccato vari argomenti che ci hanno aiutato tanto a capire l’importanza delle cose e soprattutto l’importanza della vita”.

Carla Testa: “Prima di partire per questo viaggio pensavo che fosse bello, ma non immaginavo tanto”.

Rebecca Armata: “Quest’esperienza la porterò dietro per tutta la vita. Le nostre giornate sono state ricche di spunti, che ci hanno dato la possibilità di riflettere attraverso il dialogo. Il Movimento per la vita ci ha quindi fatto sentire parte attiva della società europea”.

Ed ecco ciò che dichiarava il Prof. Gaetano a conclusione del viaggio a Strasburgo: “La simulazione di una assemblea parlamentare stimola il confronto tra i giovani su temi bioetici molto delicati. Ci si accorge che nessuno detiene una verità assoluta, ma se abbiamo a cuore la vera umanità va ricercata anche nell’ascolto autentico dell’altro”.

Giovane tra i giovani, mite si mescolava a loro nelle varie attività scolastiche e non, portando la sua umanità e, nonostante le sue difficoltà familiari, ti illuminava con il suo sorriso.

Questo un ritratto sicuramente incompleto di un docente per vocazione e di un generoso socio del Movimento per la vita, che come e più degli altri credeva nei valori della vita e del dialogo.

E come un piccolo seme che se non muore non produce frutto, tu hai prodotto tanti frutti rappresentati nell’emozione dei tanti tuoi alunni che ti amavano come un fratello maggiore e che ti ricorderanno come un amico sempre presente nei momenti di difficoltà. Ciao caro amico mancherai ai tuoi, ma anche al Movimento tutto che ti ha conosciuto e apprezzato.

 

Il Prof. Gaetano, sostenitore appassionato del Concorso Scolastico (.pdf)