Poesia di Francesco Napolitano

Signore mio, Signore Iddio
Tu che te sei inventato la vita
Perdona ‘sta zozza società
E dopo convincila,
anzi costringila a cambià
L’omo s’è impazzito quarche vite s’è allentata
e mò se crede Te
e come nostro nonno Adamo
crede de conosce er bene e er male
Quella vita va bbene e quella no
decido io pe chi nun po’ decide
Ma de che ?
Forse che le cellule e l’anima
di chi decide de annullà la vita
vargono de più de quelle
della vita da sopprime?
Gesù, te prego,
io so puro avvocato
damme la forza de difenne
chi nun può
damme l’ingegno de combinà
la vita con la fede
damme la voce pè gridà
“Ma lo sapete ch’ammazzate
mi fratello, vostro fratello
uno de noi
‘n omo o ‘na donna come voi;
e questo ch’ammazzate
chi lo difenne?
Tutti c’hanno diritto alla difesa
pure lui
anzi lui c’ha diritto puro
al “gratuito patrocinio”.

 

Poesia (.pdf)