Poesia di Francesco Napolitano - 20 agosto 2020

‘Na voce de mamma fori dar coro

“Io so ‘na tipa irregolare Ma c’ho du’ mesi de ritardo

E mò so’ sicura d’esse incinta”.

 

“Amo’, ma che me ce lo dichi ora? Ma che te frulla ‘n testa?

Vieni quatta quatta a dimme So’ incinta de otto settimane!”

 

“Aho, me ne so’ accorta adesso, C’ho ‘n po’ de vomitacchi

Me vedo l’occhi ‘n po’ più grandi Inzomma, so’ cambiata”

 

“Ecco, amo’, come sei cambiata mò aricambi Perché proprio nun se po’ fa’

Vabbè, qua ce devo pensà io”.

 

“Ecchime. Mò beccate ‘ste tre pillole So’ tre da duecento

Poi siccome te sei scoperta Dopo du’ mesi e più

Tra tre o quattro giorni T’entroduci puro ‘st’artra robba E così passa la paura

E nun ce pensamo più”.

 

“A sor coso

Me sa che er cervello te s’è ‘nbevuto a te. Guarda che nun è che ‘sta creatura L’avemo fatta co’ ‘na pillola

E che mò, dice, sai

Co’ ‘n artro po’ de pillole La buttamo via.

Forse te scordi che sei incinto puro tu E allora magari ‘ste compresse

Te le prendi tu

Hai visto mai che te fanno abortì La tua scemenza”.

 

“Amò, c’è scritto che fino a nove settimane Se po’ fa’ tranquilli

Senza andà a sbatte chissà dove. Stai ‘n po’ bona in casa…

E’ ‘na cosa tipo ‘n ciclo E…amici come prima”.

 

“A sor bello,

Lascia perde quello che se dice Forse lo dice ‘n omo

Perché ‘na donna nun s’arrischierebbe. In ogni caso, sarvognuno.

 

Siccome me pare che

C’hai ‘n cervello ‘n po’ appiattito Allora forse nun sai

Che ‘sta creatura de du’ mesi

C‘ha già ‘n po’ de piedini e de manine C’ha già ‘na testolona grande

Glie spunteno le orecchie

E, se guardi bbene, puro l’occhi e ‘n po’ de naso. Tu nun lo poi sentì

Ma c’ha ‘n core che è ‘n torello Fa centosessanta battiti ar minuto

E’ ner momento più importante de la crescita. E mò venghi tu a dimme “’na pillola e via”!

Ma certo che te frega, Tanto so’ io a rifallo,

A vedello uscì fori,

Dalla testolona fino ai piedini, Tra sangue ed artra robba.

E devo puro sentì tu che dichi

“’Na pasticca e amici come prima”.

 

“Eppoi devi sapè che la legge Dice che ‘ste pasticcacce Ponno esse’ prese solo

Su controllo ospedaliero. Mò sai che faccio?

Vado dar ministro e je dico: “Forse nun te viè ‘n mente Che co’ ‘ste tue parole

 

Mò c’no ‘n omo, che puro è er padre, Che bello bello ce crede come ‘n pollo E me offre a pranzo tre pasticche Tanto pe’ digeri’ mejo!

Io vorrebbe proprio sapè, caro ministro,

Se ar posto suo ce fosse stata ‘na ministra incinta de du’ mesi Se puro essa avrebbe scritto: “Venghino, signore e signorine,

Comprate, belle incinte, le pasticche! Prendi sei e paghi tre

Sconto speciale se prennete tutto er kit”.

Eh no, caro ministro, credo che ‘Na ministra incinta de du’ mesi Nun l’avrebbe scritto

Anche perché la ministra incinta

Se sentirebbe er fijo cresce’ mentre scrive Se sentirebbe le cellule der fijo

Che diventeno le sue

E allora ‘sto fijo lo vo’ vede’, tocca’ e donallo A sé medesima e ar monno

Per uno, dieci, cento anni… Per l’eternità!”

 

“Allora bello mio

Che saresti puro er padre Aripiate ‘ste pillole

E riportale ‘n do’ l’hai prese.

 

Poesia (.pdf)