Poesia – Ciao Mamma di Francesco Napolitano

Ciao mamma, ciao papà,
M’avete concepito da quarche settimana

 

A ma’, ce lo sai che già imparo a nuotà! Le tue acque so’ ‘n ‘po’ carde
Ma così cresco de più

 

Mo’ te sto a sentì
Che parli co’ quarcuno
Che vorebbe sfornà ‘na legge Pe’ nun discriminà li sessi

 

A ma’, io nun ve capisco Io già so er mio sesso
Ma voi ancora manco lo capite E già me volete “discrimina’”?

 

Sai che te dico?
Che già ora me parete tutti matti Uno se sveja la mattina e dice: arivo io, che so tutto de la vita
e faccio ‘na legge
Pe’ difenne tutti i generi sessuali”

 

Come se dice a Roma, je direi:
Aho, ma chi sei, cacìni”?
Arivi tu e pensi d’esse’ ‘n dio che dice: “Via le discriminazzioni d’ogni sesso!?!” Ma quanti so’ poi ‘sti sessi? Boh!

 

Magari n’artro giorno te risvej e dici: “Famo ‘na legge pe’ nun discriminà (Che so?)
Chi c’ha ‘n naso o ‘n’orecchio ‘n po’ più strano Oppuro chi è più anziano
O forse chi è più “nano”

 

A ma’, sai che te dico? Che me sa che quello
C’ha discriminata la sua mente E che er più discriminato sono io Ancora nun capite er mio sesso
E pe’ la legge già me potete butta’…ner cesso

 

A ma’, a pa’, pe’ fortuna ce siete voi M’aiutate ogni giorno
Sarvognuno, a raddoppià de vita
E gia m’amate senza “discriminazzioni” A prescindere dar sesso

 

Poesia – Ciao Mamma (.pdf)