Poesia – E’ tutto esattamente vero, puro er giorno e l’ora di Francesco Napolitano, 12 Marzo 2020

Dodici marzo der dumilaventi

La “corona” effonne ‘n ber cattivo olezzo A casa semo tutti ‘n po’ “pazienti” Avemo da stà sempre drento ar pezzo

Li amici milanesi so li più ‘nguaiati Ma forti e uniti pe’ allevià la pena

A la Madunina guardeno abbracciati Le strade vòte ma l’anima ripiena

Drent’all’occhi me compare ‘na visione Er virus affoga sotto la monnezza

“Gesù –oso chiede- damme ‘na dimostrazione Che la vittoria de la vita è ‘na certezza

È matina presto e so’ ‘n po’ assorto

Ma manco finisco de svorge ‘sta preghiera Che er cellulare squilla è sto in ascorto

È ‘na voce che “odora” de la primavera

“Ciao Francè, lo sai sono a Milano All’una alla faccia de “corona” la ribelle La gioia m’è rimbarzata ne la mano Me so’ nate du’ splendide gemelle

Du’ chili l’una; la mamma, ce lo sai, è de colore Me vie’ voja de falle vede ar monno

E gridà: so’ nate pe’ schiaccià l’orore P’arisvejasse  doppo ‘n brutto sonno”.

Signore mio, proprio m’hai fatto girà la testa M’hai sentito e mo’ er còre me se schianta La vita che nasce è la più bella festa Addirittura due, so’ ‘na mano santa

Te prego Gesù, mo’ fa’ capì alla gente La meravija pe’ ‘n materno seno

De sentisse cresce n’astro nascente La luce che distrugge ogni veleno

 

Poesia – E’ tutto esattamente vero, puro er giorno e l’ora (.pdf)