Poesia – L’arbum de le foto di Francesco Napolitano, Maggio 2020

Mo’ che me ritrovo ‘n po’ più anziano, come se usa, vivo de ricordi riavvorgo ‘ndietro tutte le mie ore me chiedo er perché ce stò e che ce stò a fa’. Me dico: “Mo’ pulisco li cassetti Quelli pieni de polvere e de storia Magari ce ritrovo vecchie foto. Che se te rivedi te pija ‘n coccolone” Me faccio forza e apro. La porvere me riempie de starnuti. E scopro che, sia puro tutt’annerita. Lì drento nun c’è ‘na storia, c’è ‘na vita. Le foto ingiallite me se spianano davanti Come tanti cazzotti alla memoria Sorido, piango, nun ricordo, ah sì qui me riconosco Mo’ sai che faccio, un arbum de le foto Certo, pe’ principià ho da sfrugulià in fonno ar cassetto Ecco, qui c’avevo cinque anni Aspetta, anvedi ancora prima, qui sto sur triciclo Mamma mia, ma questo so’ io? E sì, i miei primi passi Continuo a tornà ‘ndietro ancora Ma per quanto retroceda Me sembra che pe’ da’ principio all’arbum Qualcosa, quarche foto, sempre me manca. Ce penso, capisco, me arzo E vado a rovistà n’antro cassetto ‘n po’ più riservato Perché lì drento c’è l’incanto der principio de la vita Ecco l’ho trovate Qui c’è mamma cor pancione Oh Signore qui c’avevo sei mesi de vita concepita Ma sì lo vedo, ‘n po’ incredulo ma già soridevo Aspetta, qui c’è n’antra foto Eh sì, me l’hanno fatta A dieci settimane da..l’amore Ohhhhh, guarda i piedini, so’ perfetti Certo che mia mamma M’ha straamato fin da subito Trovo ‘na foto de cellule ‘n po’ sfocate Sotto c’ha scritto: ”Questo è mi fijo appena concepito”. Ecco mo’ so’ sicuro che l’arbum de le foto Po’ davero comincià

 

Poesia – L’arbum de le foto (.pdf)